domenica 8 gennaio 2012

RUBRICA: RECENSIONI
LA FORESTA DEGLI AMORI PERDUTI


Trama: 

Nel mondo di Mary ci sono delle semplici verità e un bellissimo ricordo. La congregazione delle Sorelle sa sempre cos’è meglio, i Guardiani proteggono e servono, e il racconto della madre, persa nella foresta, sul colore e l’odore dell’oceano sempre nella sua mente. E bisogna sempre sorvegliare il recinto che circonda il villaggio, che lo protegge dalla Foresta e da coloro che la abitano, gli Sconsacrati. Ma poco a poco le verità di Mary cominciano a crollare. Imparerà presto cose che non avrebbe mai voluto sapere sulle Sorelle e sui loro segreti, sui Guardiani e sul loro potere. E quando il recinto verrà aperto, conoscerà gli sconsacrati e ciò che li anima. Dovrà scegliere tra il villaggio e il proprio futuro, tra colui che ama, Travis, e chi è innamorato di lei, Harry, il fratello maggiore di Travis. E infine dovrà affrontare la verità su ciò che nasconde la foresta e sul destino di sua madre, che per amore del compagno, preso dagli sconsacrati, finisce in un mondo pieno di insidie,fascino e mistero.




L’autore:
Carrie Ryan, nata e cresciuta a Greenville, South Carolina, si è laureata al Williams College e presso la Duke University Law School. Vive a Charlotte, North Carolina, con il fidanzato e due gatti. 

 









Recensione:

Ho letto questo libro in breve tempo,ti prende e ti trascina,è una lettura estremamente cruda, angosciosa.
Mi ha commossa e rattristato molto.
Parla di Mary, una ragazza che vive in un villaggio stile “The village” (il film), con delle recinzioni e piattaforme per ripararsi dagli sconsacrati (zombi)che sono intorno. Lei ha sempre fantasticato sui racconti che le raccontava sua madre sull’esistenza dell’oceano e che ci sia qualcosa al di la della foresta degli amori perduti. L’oceano diventa la sua speranza, la sua ossessione.
La congregazione delle Sorelle è a capo del villaggio, condizionando le vite degli abitanti con il loro rigido regolamento.
Il matrimonio non è visto come atto d’amore ma d’impegno, per procreare e aumentare gli abitanti.
Un giorno però gli sconsacrati riescono ad aprire un varco e per il villaggio significa la fine.
 Solo Mary e i suoi amici hanno l’idea di andare nel sentiero con il cancello e lì cercano di trovare una fuga, di sopravvivere…così Mary ha la possibilità di scoprire cosa c’è oltre la foresta.
È una storia molto cruda, non c’è il lieto fine che preferisco ma mi è piaciuto molto comunque.
I personaggi all’interno della storia sono pochi : Mary, Harry, Travis, Cass, Jed e Beth.

è una via di mezzo fra "The village" (il film) e "The walking dead" la serie televisiva.
è il primo libro di una trilogia ma può benissimo essere letto da solo.
Non è una storia particolarmente romantica è una storia di sopravvivenza, di lotta. 


Votazione libro: Bello

Nessun commento:

Posta un commento