martedì 25 settembre 2012

Recensione: Schegge di me



RUBRICA: RECENSIONI
SCHEGGE  DI  ME

Trama:

264 giorni chiusa in una cella, senza contatti con il mondo, perché Juliette ha un potere terribile: se tocca una persona può ucciderla. A tenerla prigioniera è la Restaurazione, un gruppo militare che intende usarla come arma.
Scappare è impensabile, finché nella cella di Juliette entra Adam, un soldato semplice che scopre di essere immune al suo tocco.il loro incontro è la scintilla che accende una speranza, la chiave che potrebbe aprire mille porte. Perché la vita li chiama, oltre i muri della prigione.


L’autore:

 Tahereh Mafi  ha 24 anni. Ultima di 5 fratelli, è nata nel Connecticut e vive in California. Questo è il suo primo romanzo, che è stato venduto in 15 paesi. I diritti cinematografici sono stati acquisiti dalla Twentieth Century Fox.






Recensione:

 l’ho letto in una giornata, è una lettura piuttosto veloce.
Non sapevo bene cosa aspettarmi. All’inizio ho fatto un po’ di fatica, tra la prima persona e  frasi cancellate e non.

Il libro parla di Juliette, una ragazza di diciassette anni rinchiusa in un manicomio da 3 anni perché ha un dono, o meglio come  dice lei , una maledizione: toccando le persone assorbe la loro energia vitale portandoli alla morte, tranne Adam.

È entrato all’improvviso nella cella con lei, come paziente-prigioniero, gli sembra di conoscerlo, vuole parlare con lei, vuole toccarla. Lei comincia a fidarsi di lui.

Ma un giorno vengono allontanati e viene chiusa in un'altra cella, fino a quando viene accerchiata da soldati, compreso Adam. Lei Si sente tradita.
Viene portata in una caserma e trattata al meglio, ma è comunque prigioniera. Warner, il capo, le propone un patto. Lei potrà continuare a vivere nel lusso se lei collabora come sua arma letale.
Adam l’ha davvero tradita? O recita una parte?
Come farà a scappare ?

La parte che mi è piaciuta di più è quella nella cella con Adam e se fosse stato tutto così sarebbe stato meraviglioso. Avrei preferito che insieme cercassero di scappare dal manicomio ma così non è.
Commovente la storia d’amore anche se ad un certo punto diventa irritante, ogni volta tentano di fare di più.

Voi l’avete letto? Se sì, vi è piaciuto?
Se no, vi piacerebbe leggerlo?

Votazione libro: Carino

3 commenti:

  1. C'è l'ho nel pc ancora da leggere, Il sostituto mi sta portando via tempo, non mi piace per niente -_-" cmq questo libro sarà una delle prossime letture ^_^

    RispondiElimina
  2. fammi sapere cosa ne pensi appena l'hai letto!

    RispondiElimina
  3. Ciao Nausica ^^ sul mio blog c'è un premio per te.. a presto ^_^

    http://happyredbook.blogspot.it/2012/10/premio-semplicity.html

    RispondiElimina